Gengivectomia e gengivoplastica

Gengivectomia e gengivoplastica sono operazioni chirurgiche che curano le patologie più gravi e rimodellano le gengive

Quando le gengive soffrono, i sintomi sono evidenti: si arrossano, si gonfiano, si ritirano fino a scoprire il colletto del dente e la radice. Se l’infezione è profonda, genera ascessi e/o può evolvere in parodontite. L’intervento di gengivectomia viene consigliato in caso di gengiva ipertrofica e sovrabbondante, sia per motivi estetici che in presenza di ascesso parodontale, qualora si renda necessario, per asportare il tessuto infetto e permettere la ricrescita di tessuto sano, mentre la gengivoplastica consiste nel rimodellare le gengive.

Gengive malate? Come favorire la ricrescita di tessuto sano

Nei nostri studi trattiamo frequentemente le patologie che riguardano le gengive e il parodonto, cioè l’insieme dei tessuti che avvolgono e sostengono il dente. Spesso i sintomi iniziali della parodontite si limitano a infiammazioni e tumefazioni poco dolorose, e il paziente tende a trascurarle.

Le visite periodiche dallo specialista sono la migliore forma di prevenzione, insieme alla costante igiene orale. La diagnosi precoce evita il diffondersi dell’infezione, mantenendo uno stato di salute della bocca e la stabilità degli elementi dentari.

Con la gengivectomia, si rimuove  il tessuto molle malato in anestesia locale, applicando se necessario uno specifico impacco parodontale, in alcuni casi la chirurgia parodontale può richiedere un innesto di tessuto gengivale, appositamente prelevato. La gengivoplastica permette, invece, di riequilibrare il profilo gengivale.

Quando l'igiene non basta

Infezioni e parodontite possono essere l’esito di un’insufficiente o incompleta igiene orale quotidiana. Placca e tartaro, però, non si accumulano solo nelle tasche gengivali ma ovunque esista uno spazio che ne impedisca la corretta rimozione con lo spazzolino o il filo interdentale. Altri fattori predisponenti possono essere le malocclusioni, la predisposizione familiare, il fumo e alcune malattie sistemiche, ad esempio il diabete. La diagnosi precoce evita il diffondersi dell’infezione e permette di mantenere sotto controllo la malattia parodontale.

Se le gengive sono ingombranti

Quando le gengive appaiono ipertrofiche e abbondanti, possono rendersi necessarie gengivectomie e gengivoplastiche a scopo funzionale. L’eccesso di tessuto gengivale non è solo un problema di natura estetica, ma interferisce con l’eventuale posizionamento di protesi o impianti. Se hai bisogno di un aiuto specialistico o desideri dei chiarimenti sulla cura della gengivite, prendi un appuntamento compilando il form, via e-mail o per telefono; la prima visita è senza impegno: parleremo della tua igiene orale quotidiana e, inoltre, potrai chiedere un preventivo personalizzato. Ti stupirai di quanto un aggiornato studio odontoiatrico possa essere accogliente e rilassante!