Parodontite

o Piorrea

La parodontite, comunemente conosciuta come piorrea, può essere trattata, evitando così la caduta dei denti

I denti sono funzionali alla masticazione e ricoprono un ruolo importante nei rapporti sociali, cosa c’è di più accattivante di un bel sorriso? Purtroppo può accadere che il parodonto contragga un’infezione, detta parodontite, che può portare alla perdita dell’elemento dentale poiché interessa le gengive, i legamenti e l’osso.

Parodontite o piorrea dentale, qual è il significato?

La parodontite, detta anche parodontopatia e malattia parodontale, è a tutti gli effetti un’infiammazione dei tessuti parodontali, ovvero quei tessuti che garantiscono sostegno e stabilità ai denti.

Anche se degenerativa la parodontite è una patologia reversibile se diagnosticata in tempo. Anche se generalmente compare in età adulta, può colpire anche i più piccoli. Secondo il Ministero della Salute in Italia il 60% della popolazione ne è affetta.

Classificazione delle malattie parodontali

La più diffusa piorrea infettiva deve essere distinta dalla parodontite apicale, che invece ha cause endodontiche. La parodontite apicale subentra quando l’infezione arriva tramite le strutture canalari interne al tessuto parodontale.

Esistono inoltre altre tipologie di questa insidiosa patologia:

  • Parodontite cronica
  • Parodontite aggressiva
  • Parodontite ulcero-necrotica
  • Piorrea alveolare

Possibili cause della piorrea

Prima di parlare delle cause della malattia del parodonto è opportuno chiarire un concetto di base: parodontite e parodontosi sono due aspetti diversi della malattia parodontale. Con il termine parodontite s’intende quel processo gengivale causato da un’infiammazione cronica dovuta ai batteri. Con parodontosi, invece, si indica la patologia degenerativa che, in genere, affligge soggetti in età senile. Entrambe colpiscono i tessuti di sostegno dei denti e le cause, oltre a quelle inerenti un’inadeguata igiene orale, possono essere diverse.

Come si è detto la piorrea è dovuta alla proliferazione di batteri, infatti quando la placca si trasforma in tartaro infiamma il tessuto e danneggia le gengive che si ritirano. Il professionista in parodontologia, dopo una corretta diagnosi, attua gli interventi necessari per salvare gli elementi dentali ma è possibile intervenire preventivamente per ridurre il rischio che questa patologia insorga effettuando controlli periodici e qualche pulizia dentale.

La piorrea è ereditaria?

La prevenzione è ancora più necessaria quando esiste un fattore ereditario che rende i soggetti maggiormente a rischio. L’infezione batterica e la familiarità non sono le uniche cause della piorrea: studi recenti hanno dimostrato che il diabete, la malnutrizione, i cambiamenti ormonali e l’uso di alcol, stupefacenti e tabacco rappresentano possibili fattori di rischio.

La piorrea è contagiosa?

Molti si fanno questa domanda, ma anche se è un’infezione la parodontite non è contagiosa.

Sintomi della piorrea

La recessione gengivale è il danno più visibile dato dalla piorrea e non è mai da sottovalutare perché quando il dente tende a muoversi è destinato a cadere. Ma quali sono altri sintomi a cui prestare attenzione? Sicuramente il colore delle gengive che cambia e diventa rosso scuro è un segnale di infiammazione, inoltre spesso si presentano gonfie. Se in una bocca sono presenti alitosi, sanguinamento e pus alle gengive significa che la patologia in atto è già sufficientemente avanzata da richiedere con tempestività un consulto con il dentista. Come sempre, quando si tratta della nostra salute, è bene ricorrere a dei professionisti che affronteranno con la serietà necessaria la patologia, intervenendo con un controllo radiologico e una valutazione dell’osso alveolare a cui seguirà l’approccio terapeutico più adeguato.

Prevenire la parodontite con una corretta igiene orale

Lo spazzolamento dei denti effettuato in modo corretto dopo i pasti è alla base di una dentatura sana. Rimuovere i residui di cibo evita la formazione della placca, ma perché ciò avvenga lo spazzolino deve essere utilizzato in maniera corretta, cioè dirigendolo dalla radice alla corona del dente, in senso verticale. Questa operazione deve essere eseguita sia nella parte esterna della bocca che internamente, spazzolando tutte le superfici. Anche sostituire lo spazzolino ogni due o tre mesi o quando le setole hanno perso la loro originale funzionalità è una attenzione che dobbiamo alla nostra dentatura. La stessa importanza riveste l’utilizzo del filo interdentale che rimuove i residui di alimenti e i batteri: sarà il dentista a suggerire le caratteristiche del prodotto più idoneo.

La piorrea è curabile?

Come anticipato la parodontite se diagnosticata in tempo può essere curata definitivamente. I rimedi sono molti, da quelli naturali a quelli chirurgici, a seconda dello stadio e della gravità della malattia.

Per la cura spesso viene consigliata la somministrazione di un antibiotico per parodontite, specifico per infezioni dentali, così come l’utilizzo quotidiano di un dentifricio e di un collutorio per piorrea.

Come si tratta la parodontite?

La piorrea, nella sua forma più grave, porta alla caduta dei denti: quanto prima il paziente si rivolgerà al dentista tanto maggiori saranno le possibilità di salvare gli elementi dentali.

Dopo aver fatto la diagnosi il medico esporrà al paziente il procedimento che, generalmente, consiste nella rimozione dei batteri dalle tasche gengivali. Si esegue, cioè, il currettage o pulizia profonda, eliminando gli agenti eziologici: questo è l’approccio terapeutico specifico quando la patologia è allo stadio iniziale.

Nei casi più seri, quando si evidenziano sacche profonde, si procede chirurgicamente in anestesia locale, eliminando il tartaro, i tessuti infetti e il cemento molle. Poi si esegue la levigatura delle radici.

Più costosa rispetto al trattamento classico, può essere utilizzato anche il laser, che è un adiuvante al trattamento della parodontite.

Quanto costa trattare la parodontite?

Gli Ambulatori Odontoiatrici HDental sono noti per l’ottimo rapporto qualità-prezzo dei trattamenti parodontici.

L’attenzione nei confronti dei denti deve essere sempre massima, ma anche la scelta del professionista deve essere ponderata. HDental è l’Azienda con Ambulatori di proprietà che dispone di uno staff medico accuratamente selezionato. La strumentazione e gli apparecchi medicali utilizzati per la diagnostica e l’assistenza sono corredati da certificazioni di qualità.

HDental, il tuo alleato nel trattamento della parodontite ad un prezzo trasparente ed accessibile.

Prenota la tua Prima Visita!

Le Tre Fasi Principali

In HDental mettiamo sempre in primo piano i nostri pazienti, garantendo loro i migliori trattamenti sia dal punto di vista medico, sia dal punto di vista umano.

Nella fase iniziale, vi chiediamo la vostra storia clinica, le vostre aspettative, le vostre esigenze.

Durante la terapia, ci concentriamo sui vostri dubbi, rispondiamo alle vostre domande e alle vostre richieste.

Al termine della terapia vi invitiamo ad esprimere il vostro grado di soddisfazione e a valutare insieme il lavoro svolto.

Le Due Figure Fondamentali

In questo percorso, incontrerete due figure fondamentali:

Il consulente, che vi segue per tutto l’iter della visita e che illustra e discute con voi il preventivo identificando la soluzione economica più adatta alle vostre esigenze.

Il medico, che vi spiega in modo chiaro e comprensibile il piano terapeutico e successivamente esegue le prestazioni sulla base di rigorosi protocolli terapeutici validati dalla prassi e dalle conoscenze scientifiche più avanzate.




    Quando vuoi essere contattato?

    Eventuali comunicazioni